Home page

La Parola del Signore

I DOMENICA DI AVVENTO

La vostra liberazione è vicina. (Lc 21,25-28.34-36)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Il testo di domenica 25 novembre 2018 dal sito La Chiesa.it >>

La Cattedra del Vescovo


MESSAGGIO DELL’ARCIVESCOVO MONS. CORRADO LOREFICE PER L’AVVENTO 2018

Carissime Sorelle, Carissimi Fratelli, nel volto del bambino Gesù, nato a Maria di Nazareth nella precaria dimora di Betlemme, Dio si lascia vedere e ci ravvisa; si consegna a noi umani e si lascia incontrare, si lascia toccare, abbracciare. Chiede, con i suoi riflessi e i suoi gemiti, come ogni neonato, uno sguardo amorevole e premurosa attenzione. Lasciamoci incantare dagli occhi innamorati di Maria e di Giuseppe che contemplano Gesù e dalla grazia tenera e affascinante con cui egli li guarda e li cerca. Sguardi… continua nel sito dell'Arcidiocesi >> 

nella pagina "News" giorni ed orari delle celebrazioni e degli eventi in Cattedrale presieduti dall'Arcivescovo >>


 

per tutte le notizie sulla vita della Arcidiocesi

La Parroccha Maria SS. Assunta

la Cattedrale di Palermo è Chiesa Parrocchiale della Parrocchia Maria SS. Assunta che si estende soprattutto nel territorio del Cassaro Alto, Via Maqueda (fino alla Chiesa di S. Ninfa) e parte bassa del quartiere Capo.

La Cattedrale è aperta

dal lunedì al sabato dalle 07.00 alle 19.00

la domenica dalle 08.00 alle 13.00  e dalle 16.00 alle 19.00

Orario delle S. Messe

Giorni feriali: ore 07,30 - 18.00

Giorni festivi: 08,45 - 09,45 -11,00 - 18,00

Santa Rosalia

La vita, il miracolo, la festa. Le devozioni, Santa Rosalia nell'arte, visitare Palermo con Santa Rosalia (pagine realizzate in collaborazione con il Progetto Policoro - Arcidiocesi di Palermo). Nella sezione il racconto con video e foto del 394° Festino di Santa Rosalia

Il Beato Don Pino Puglisi

Il corpo del  Beato Padre Pino Puglisi, martire per mano mafiosa, riposa in Cattedrale, ai piedi dell'altare della Madonna della Immacolata Concezione, nella omonima cappella  nella navata laterale di sinistra.

I superbi mi hanno narrato cose vane, ignorando la tua legge;
io invece parlavo della tua legge davanti ai re senza arrossire

(Salmo 119,85.46)

Pellegrinaggio e venerazione  dalle ore 08 alle 13  e dalle 16 alle 19

Link al sito ufficiale di Padre Pino Puglisi

La Cattedrale di Palermo patrimonio dell'umanità

La Cattedrale di Palermo, dal 3 luglio del 2015, data della proclamazione a Bonn,  fa parte dell'ITINERARIO ARABO NORMANNO  che è stato inserito nella “WORLD HERITAGE LIST” dell’UNESCO quale PATRIMONIO DELL’UMANITA’. Insieme alla Cattedrale di Palermo fanno parte dell’itinerario i Duomi di Monreale e Cefalù ed in Palermo la Cappella Palatina, il Palazzo Reale, la Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti, la Chiesa della Martorana, la Chiesa di S. Cataldo ed il Ponte Ammiraglio.

"L'insieme degli edifici costituenti il sito di 'Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale' rappresenta un esempio materiale di convivenza, interazione e interscambio tra diverse componenti culturali di provenienza storica e geografica eterogenea.  Tale sincretismo ha generato un originale stile architettonico e artistico, di eccezionale valore universale, in cui sono mirabilmente fusi elementi bizantini, islamici e latini, capace di volta in volta di prodursi in combinazioni uniche, di eccelso valore artistico e straordinariamente unitarie.

link al sito UNESCO   scarica la locandina UNESCO

Il monumento: la storia , la visita virtuale e studi e ricerche

In questa sezione il visitatore del Sito è accompgnato a scoprire la cronistoria degli eventi storico artistici che hanno determinato la Cattedrale che oggi ammiriamo ed ad una visita virtuale del complesso architettonico e dei tesori d'arte in esso contenuti.

Infromazioni utili per i visitatori

Carissimo/a

Hai scelto come meta di del tuo navigare la nostra Cattedrale normanna di Gualtiero “Offamilio“,  casa della Comunità cristiana che stà in Palermo, costruita con le fatiche, l’ingegno, la fantasia creatrice e le sofferenze del popolo che in ogni epoca ha lasciato in essa il segno del proprio passaggio e simbolo del Tempio spirituale fatto di pietre vive che è la Chiesa di Dio”.
Ricordando l’insegnamento dell’Apostolo Paolo che ai romani scrive: “Accoglietevi gli uni gli altri, come Cristo ha accolto Voi”, Ti porgo il mio benvenuto e Ti do il fraterno abbraccio dell’accoglienza... continua >>

Il parroco Mons. Flippo Sarullo


L'area monumentale

La visita della Cattedrale è struttura in due aree. Una a libero accesso e coincide con la zona assembleare della Cattedrale costituita dallo sviluppo delle tre navate. La seconda, detta area monumentale, cui si accede con pagamento di ticket, è costituita da:

  • Cappelle delle Tombe Reali con i Sarcofagi di Federico II, Enrcico VI, Ruggero II e quelli delle regine Costanza D'Aragona e Costanza D'altavilla,
  • Tesoro della Cattedrale, in cui sono custoditi reperti della oreficeria normanna come la celebre corona di Costanza d'Aragona
  • Cripta in cui sono le tombe degli Arcivescovi che si sono succeduti alla guida dell'Arcidiocesi di Palermo ricavate in preziosi sarcofagi alcuni dei quali di epoca romana.
  • I tetti

Gli ambienti dell'area monumentale consentono anche di leggere i segni  della trasformazione della Cattedrale nel corso dei secoli.

Video dell'area monumentale:


Notizie su come arrivare in Cattedrale e sugli orari e modalità di visita

Itinerari di visita suggeriti

La visita dei tetti della Cattedrale

La visita permette di scoprire gli elementi artistici ed architettonici delle pareti esterne della cattedrale e di ammirare anche la Città dall'alto con le sue ricchezze paesaggistiche e monumentali.

Una anticipazione con slides show della visita:

 

La Cattedrale gualteriana

L'itinerario suggerito consente di scoprire e leggere le testimonianze della costruzione arabo-normanno come è a noi pervenuta. Una anticipazione fotografica

La visita del Museo Diocesano

si consiglia la visita del Museo Diocesano con le sue preziose testimonianze di arte sacra custodite in un'ala del Palazzo Arcivescovile. Link al sito del Museo >>

Il circuito del Sacro

La Cattedrale fa parte del Circuito del Sacro che consente ai suoi visitatori di godere di riduzioni nel costo dei tickets nei seguenti monumenti:

Oratorio di S. Cita, Oratorio di San Domenico, Oratorio di San Lorenzo, L'Oratorio del Piliere, Chiesa di S. Maria La Catena. Chiesa della Magione, Chiesa di S. Caterina S'Alessandria, Chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio - Martorana, Chiesa di san Cataldo, Palazzo Alliata Villafranca, Chiesa del SS. Salvatore,  Museo Diocesano di Palermo ed Oratorio S. Mercurio.

 

Contatti

Cattedrale di Palermo - C.so Vittorio Emanuele, 90128 Palermo - tel. 091.334373 - fax  091.334375

email: cattedrale@diocesipa.it

prenotazioni servizi  liturgici email:  segreteriacattedrale@diocesipa.it

informazioni turistiche e prenotazione visita e.mail: tourcattedrale@diocesipa.it

Ufficio Parrocchiale

Via Incoronazione 9 - 90128 Palermo - tel. 091.334373 - fax  091.334375

aperto da lun. a ven. 09,30 -  12.30,

il lunedì aperto anche dalle 15.00 alle 18.00

Link utili

Un'immersione nel territorio dell'Arcidiocesi con i suo splendidi tesori d'arte e soprattutto con la testimonianza del vissuto delle Comunità Ecclesiali parrocchiali